Maltempo: Autostrade, nevica ma percorrenze sono regolari

Terminata pioggia gelata su A1. Al lavoro 600 mezzi

Autostrade per l'Italia comunica che, dalle prime ore di questa mattina, una nuova ondata di precipitazioni ha interessato il nord Italia, con coinvolgimento della A1 tra Milano e Bologna, della A26 Genova-Gravellona e della A7 Serravalle-Genova. Attualmente le tratte di competenza di Autostrade per l'Italia sono tutte regolarmente percorribili.
E' stata riaperta la A26 Genova Voltri - Alessandria, dove il traffico era stato interrotto per pioggia gelata. Unica limitazione sulla A26 tra l'allacciamento con la A10 e Casale Monferrato e sulla Diramazione Predosa-Bettole, dove l'intensa nevicata in atto ha reso necessario vietare la circolazione dei veicoli con massa complessiva a pieno carico superiore a 7,5 tonnellate.

 Sono invece terminate le precipitazioni di pioggia gelata che questa mattina hanno reso necessario l'attuazione, sulla A1 e sulla A26, di operazioni di navettaggio (Safety Car) effettuate con le pattuglie della Polizia Stradale e i mezzi operativi di Autostrade per l'Italia. Il piano antineve di Autostrade per l'Italia è pienamente operativo con oltre 600 mezzi che lavorano senza sosta nelle zone interessate per garantire la percorribilità dei tratti autostradali.

Neve e vento su Milano e hinterland

Allerta prolungata in Liguria, ma è gialla - Allerta per neve prolungata in Liguria, fino alle 18 di questa sera, ma è gialla, il livello più basso. L'allerta riguarda le province di Savona e Genova, la zona centrale della regione. Nelle zone montane di queste due province, dove l'allerta è arancione fine alle 15, poi diventerà gialla fino alle 18. Nelle aree interne del bacino che va da Spotorno (Savona) a Camogli (Genova) l'allerta gialla che doveva scadere alle 15 è stata prolungata alle 18 di oggi. Lo rende noto la Protezione civile regionale. Piogge lungo la costa e nevicate anche intense nelle zone interne: è questo il quadro meteo della Liguria. Nevicate intense sono in corso a Cairo Montenotte, Millesimo e Altare, nel savonese, e coinvolgono anche le tratte autostradali. Il nivometro del monte Settepani (Savona) ha registrato un accumulo di 11 centimetri a metà mattinata. Nevicate moderate in provincia di Savona a Dego, Magliolo e Piana Crixia. Neve anche nel Levante della regione, in Val d'Aveto. Nelle zone interne temperature in calo.

Toscana, attese piogge ma in serata meteo migliora  - La Sala della Protezione civile Toscana, sulla base delle previsioni di nuove precipitazioni diffuse, segnala che nel pomeriggio e in serata si registreranno nuovi innalzamenti, che potranno essere anche consistenti, dei fiumi già interessati dalle piene a partire dai bacini costieri di piccole dimensioni fino, in provincia di Firenze, all'Arno. Innalzamenti idrometrici, nel pomeriggio, in tutta la regione, ma in serata la tendenza è a un generale esaurimento dei fenomeni. Nessun allerta, dunque, neppure per la zona di Firenze, ma resta in vigore il codice giallo diramato ieri. Nelle ultime 3 ore sono state registrate piogge su tutta la Toscana, con cumulati medi intorno ai 5-10 mm e punte fino a 15 mm in Maremma e sulle Apuane. Sull'Arno la piena sta transitando nel tratto a valle di Pisa dove il livello si è stabilizzato intorno alla prima soglia di riferimento. Saliti anche il Merse e Bruna, in provincia di Grosseto, con livelli ancora molto al di sotto del primo riferimento. Nel pomeriggio le piogge si concentreranno principalmente sulle zone interne e sulle zone di nord-ovest, attenuandosi sulla costa. Dalle 13.00 alle 18.00 cumulati medi intorno ai 10-20 mm, con massimi fino a 30-40 mm, sono attesi in particolare sui rilievi. In serata (dalle 18 alle 24) residue precipitazioni sulle zone orientali (aretino) con cumulati medi intorno a 5-10 mm e massimi fino a 10-15 mm. Nel pomeriggio temperature in calo in Appennino con possibilità di nevicate oltre i 500-800 metri (fino a 300-400 metri sull'alto Mugello). Vento a tratti forte di Maestrale nel pomeriggio sulla costa centro meridionale e nelle zone interne (senese-grossetano). Durante la notte e le prime ore di domani, domenica, locale formazione di ghiaccio sulle zone settentrionali, in particolare le aree appenniniche. Sulla base delle previsioni stamani è stata chiusa la Sala del servizio di piena, della Città Metropolitana di Firenze.

Danni su litorale nord Roma dopo mareggiata  - È stato un altro duro colpo, quello inferto dalla forte mareggiata, alle difese delle strutture balneari di Fregene sud, da tempo ormai alle prese con un rilevante fenomeno erosivo della spiaggia. Per tutta la giornata di ieri e la scorsa notte le onde hanno superato le barriere e causato danni tra il Point Break, che avuto compromesso il rimessaggio, il Tirreno, Il Capri ed il Rivetta. Danni a cabine e tettoie, mentre l'acqua ha scavato le fondamenta di alcune strutture e magazzini. A Focene,nella serata di ieri, l'acqua del mare ha scavato un percorso sull'arenile ed ha raggiunto un'area, seppur limitata, di viale di Focene. Sul posto una pattuglia della polizia locale. Dopo la caduta di rami (indeboliti dalla nevicata dei giorni scorsi) ieri, uno dei quali ha danneggiato il parabrezza di un'auto in via san Carlo a Palidoro, questa mattina una quercia è caduta invadendo la carreggiata di via Austis ad Aranova. In azione i vigili del fuoco, al lavoro per rimuoverlo, e la polizia municipale.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA