Morto Simonetti, storico cristianesimo

Ha insegnato all'Università la Sapienza di Roma

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 2 NOV - E' morto oggi Manlio Simonetti, uno dei maggiori conoscitori del cristianesimo antico. Nato a Roma il 2 maggio 1926, si era formato alla scuola di Gino Funaioli e di Ettore Paratore. Fu proprio Paratore, grande latinista e umanista, a indirizzarlo per motivi concorsuali allo studio dei testi cristiani, di cui il maestro intuiva l'importanza e che il giovane allievo iniziò a studiare con metodo e tenacia, frequentando la Biblioteca vaticana.
    Salito in cattedra molto presto Simonetti insegnò dal 1959 al 1969 letteratura cristiana antica all'università di Cagliari e quindi, per oltre un trentennio, storia del cristianesimo alla Sapienza di Roma, dove da tempo convivevano studiosi di patristica e storici delle religioni, ma anche antichisti e orientalisti. Docente nel Pontificio ateneo salesiano, insegnò all'Istituto patristico Augustinianum dalla fondazione nel 1971 fino al 2016. Socio nazionale dei Lincei dal 1983, nel 2011 è stato il primo a ricevere il premio Ratzinger dallo stesso Benedetto XVI.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA