Assessore, salma Amri qui a nostre spese

Viviana Beccalossi, spese post-mortem siano a carico Tunisia

(ANSA) - MILANO, 29 APR - La salma di Anis Amri, l'autore della strage di Berlino ucciso il 23 dicembre a Sesto san Giovanni, continua ad essere custodita all'obitorio di Milano e nessuno ne ha chiesto la riconsegna. Oggi l'assessore regionale lombardo Viviana Beccalossi, in una nota, dichiara che la salma "andrebbe rispedita in Tunisia, perché continua a restare a qui a nostre spese". "Non voglio neppure lontanamente pensare che, come previsto in questi casi dalla legge vigente, sia il Comune di Sesto san Giovanni, con i soldi delle tasse dei cittadini sestesi, a doversi far carico di tutte le spese post-mortem, obitorio compreso. Così come sarebbe inammissibile che il terrorista venisse sepolto in Italia. Venga rispedito nel suo paese d'origine e la Tunisia si accolli tutte le spese".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA