• La Cassazione sul caso Cucchi: 'Ingiustificabile inerzia medici'

La Cassazione sul caso Cucchi: 'Ingiustificabile inerzia medici'

Loro primo dovere era diagnosticare "con precisione" la sua patologia

I medici dell'ospedale Pertini avevano una "posizione di garanzia" a tutela della salute di Stefano Cucchi e il loro primo dovere era diagnosticare "con precisione" la sua patologia anche in presenza di una "situazione complessa che non può giustificare l'inerzia del sanitario o il suo errore diagnostico". Lo scrive la Cassazione nelle motivazioni - depositate oggi - in base alle quali sono state annullate le assoluzioni dei cinque camici bianchi che avrebbero dovuto curare Cucchi morto nel 2009 dopo una settimana di ricovero.(ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA