Bruciavano illecitamente rifiuti,arresti

Eseguite perquisizioni. Fumi impedirono interventi ospedale

(ANSA) - LAMEZIA TERME (CATANZARO), 11 FEB - Quattro persone di etnia rom sono state arrestate dai carabinieri a Lamezia Terme nell'ambito di un'indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Lamezia Terme, sulla combustione illecita di rifiuti. Eseguite anche numerose perquisizioni. Gli arrestati sono Cesare Amato e Mario Bevilacqua, finiti in carcere, e Carmela Bevilacqua e Natalina Berlingieri ai domiciliari. L'indagine, denominata "Killer Smoke", è partita da una denuncia del sindaco di Lamezia Terme, Paolo Mascaro. Sono state posizionate delle telecamere vicino al campo rom di Scordovillo per monitorare i vari movimenti e rendere possibile l'identificazione di alcune delle persone responsabili degli incendi. Si è potuto conoscere, così, chi entrava con i rifiuti e procedeva poi ad innescare falò tossici che hanno creato disagi anche e soprattutto all'ospedale cittadino che confina con il campo e dove, a causa dei fumi, nel settembre scorso, sono stati interrotti alcuni interventi chirurgici.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA