Ryanair annuncia stop dei voli a Pescara. E il web si scatena

Compagnia: 'Pronti a restare negli scali senza aumento tasse'

Crese la protesta contro la chiusura della base pescarese della Compagnia di volo low cosrt Ryanair, annunciata nei giorni scorsi insieme alla riduzione dei collegamenti a due sole destinazioni dall'Abruzzo. Giocando con il nome della compagnia irlandese, gli utenti hanno lanciato l'hashtag #rajaNer che, tradotto dal dialetto abruzzese, significa 'rabbia nera'. La Compagnia si dice pronta a rivedere le decisioni "se il governo elimina l'aumento delle tasse aeroportuali". Lo scalo abruzzese, secondo le stime del gestore, vale per la regione fino a 1 mld di euro. Il vettore irlandese trasporta poco meno di 500mila passeggeri sul totale di circa 600mila utenti che transitano nello scalo di Pescara.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA