Smog, a Napoli stop auto per sei giorni

Intanto a Milano Pm10 è sceso nel primo giorno seguente ai blocchi del traffico

Smog ancora al centro delle preoccupazioni delle amministrazioni locali. E mentre Napoli decide il divieto della circolazione delle auto per sei giorni, una buona notizia arriva da Milano dove il Pm10 è in discesa. Ieri nel vertice anti smog è stato approntato un piano d'azione da Governo, Regioni e Comuni: auto a 30 km in città, due gradi in meno per i termosifoni.

A Napoli divieto circolazione auto per sei giorni - Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, ha emanato un'ordinanza che vieta la circolazione veicolare sull'intero territorio dalle 9 alle 17 del 2, 4, 5, 7 e 8 gennaio e dalle 9 alle 12 del 3 gennaio. Fino al 6 gennaio disposta la riduzione degli ambienti riscaldati a 18 gradi negli edifici civili e a 17 in quelli industriali: riscaldamenti accesi massimo 9 ore.

Il provvedimento che dispone il divieto di circolazione per 6 giorni revoca nello stesso tempo lo stop precedentemente programmato per l'1 gennaio, Capodanno, e per il 6, giorno dell'Epifania. Lo stop alla circolazione delle auto è stato adottato, come è scritto nel provvedimento, nell'obiettivo di consentire "un'ulteriore azione di contrasto delle misure atte a mitigare gli effetti nocivi delle polveri sottili". L'ordinanza è stata adottata alla luce del fatto che i bollettini Arpac della rete regionale di monitoraggio della qualità dell'aria relativi ai giorni dal 24 al 28 dicembre indicano "il persistere delle condizioni meteoclimatiche favorevoli all'accumulo delle Pm10". L'ordinanza poi stabilisce una serie di deroghe al divieto di circolazione. Il testo si trova sul sito del Comune di Napoli.

A Milano è sceso il Pm10. Pm10 in discesa nel primo giorno seguente ai blocchi del traffico che si sono susseguiti a Milano. Lo si apprende dal bollettino sulla qualità dell'aria emesso dall'Arpa della Lombardia. I valori di Pm 10 che erano saliti anche durante i gironi di stop fino a 80 microgrammi per metro cubo d'aria, ieri sono tornati a valori tra i 59 e i 45.

Secondo il bollettino di Arpa Lombardia a Milano, ieri, la centralina di Milano-Pascal segnalava 59 microgrammi per metro cubo d'aria contro gli 81 del giorno precedente, quella di Milano-Senato 51 contro 83, e quella di Milano-Verziere 45 da 73 del 29 dicembre. A scendere, però, sono stati anche i valori degli altri inquinanti, anche se ieri, ufficialmente è stato il 101/mo giorno di superamento dei livelli di legge consentito, che per il Pm10 è di 50 microgrammi per metro cubo (convenzionalmente se anche un solo valore supera detta soglia si considera superato il limite).

Arpa Lombardia, calo inquinanti dovuto a meteo  - "Come previsto, l'ingresso di aria più fredda nella giornata di ieri ha contribuito a un parziale rimescolamento dell'atmosfera, anche se l'effetto è stato più marcato sulla parte orientale della regione e sull'alta pianura". Ad affermarlo è l'Arpa della Lombardia, dopo la comunicazione dei dati relativi agli inquinanti nell'aria che registra un generale calo dei livelli, evidentemente da attribuire al leggero vento che si è avvertito ieri. "Secondo i dati rilevati dalla rete di monitoraggio - precisa una nota - le concentrazioni di PM10 a Milano si sono attestate tra 45 e 59 μg/m3, portando a 36 i giorni di superamento consecutivi in città. Salgono a 101 i giorni di superamento dei limiti dall'inizio dell'anno a Milano, rispetto ai 35 previsti dalla normativa. Alla stessa data, l'anno scorso, particolarmente piovoso, a Milano i giorni di superano erano invece stati 68, 81 nel 2013, 106 nel 2012, 132 nel 2011". Oggi e soprattutto domani, il meteo dovrebbe restare stazionario ma da sabato 2 gennaio è previsto "il rapido transito di una perturbazione atlantica che favorirà un ricambio della massa d'aria. In giornata saranno possibili precipitazioni deboli sparse e nevischio sotto i 500 metri".

Genova chiude 2015 con 35 giorni sforamento  - Nel 2015 a Genova lo smog ha superato i limiti di tolleranza per 35 volte. Lo ha detto il sindaco Marco Doria durante una intervista alla tv ligure Primocanale. "Per questo il Comune per il 2016 ha deciso limitazioni al traffico per i 25 mila veicoli, su un parco mezzi di 400 mila, più vecchi e inquinanti", in un'ampia zona del centro città. La pioggia non farà cambiare idea al Comune. "Siamo arrivati alla soglia, non si può sforare per più di 35 giorni - sottolinea Doria - in altre città gli sforamenti sono arrivati anche a 80 giorni. Genova sta molto meglio, ma ha toccato la soglia di criticità".

 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA