• Corte Appello, sì all'adozione del figlio per una coppia di donne omosex

Corte Appello, sì all'adozione del figlio per una coppia di donne omosex

Nell'agosto 2014, il Tribunale per i Minorenni di Roma aveva riconosciuto, per la prima volta in Italia, l'adozione della bimba, figlia biologica di una sola delle due conviventi

La Corte d'Appello di Roma ha confermato oggi la sentenza del tribunale dei Minorenni di Roma di un anno e mezzo fa, la prima in Italia che riconosceva la "stepchild adoption", cioè l'adozione di una bimba da parte della compagna e convivente della madre. Lo rende noto Maria Antonia Pili, che assiste la coppia omosessuale.

Nell'agosto 2014, il Tribunale per i Minorenni di Roma aveva riconosciuto, per la prima volta in Italia, l'adozione della bimba, figlia biologica di una sola delle due conviventi.

La coppia di donne, che vive a Roma dal 2003, ha avuto una bimba all'estero anni fa con procreazione assistita eterologa per realizzare un progetto di genitorialità condivisa. Il Tribunale dei Minorenni di Roma aveva accolto il ricorso presentato per ottenere l'adozione della figlia da parte della mamma non biologica, appunto la "stepchild adoption", già consentita in altri Paesi. Le due donne, sposate all'estero, si erano rivolte all'Associazione italiana avvocati famiglia e minori, per procedere con il ricorso per l'adozione.

"La sentenza conferma in toto quella del Tribunale dei Minorenni con motivazioni chiare ed essenziali che la rendono ineccepibile. La sentenza conferma che in Italia è possibile adottare per il partner di una coppia omosessuale". E' il commento dell'avvocata Maria Antonia Pili che assiste la coppia omosessuale da oltre due anni ed è anche presidente di Aiaf Friuli, alla sentenza della Corte d'Appello di Roma.


   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA