Roma: Muccino su twitter, ormai città è La grande tristezza

Dopo Alessandro Gassmann, anche il regista si sfoga sui social

Non più una città di cui essere orgogliosi ma, parafrasando il titolo del film del collega Paolo Sorrentino, 'La grande tristezza'. Dopo Alessandro Gassmann è Gabriele Muccino a sfogarsi su twitter. Con foto che documentano il degrado, il regista romano non usa mezzi termini e se la prende con Ignazio Marino: "Un sindaco faccia il sindaco - cinguetta - Non si chiuda nel surgelatore aspettando che la tempesta sia passata. Governi. Oppure vada a casa".

 


C'è rabbia nei tweet di Muccino: "Innamorato della mia città splendida ma offesa, divorata e saccheggiata, chiedo al #sindaco @ignaziomarino la dignità di ridarcela indietro", scrive. E, postando le foto della Fontana di Trevi, prima e durante il restauro, assediata da venditori ambulanti, twitta: "Fontana di Trevi era così. Poi è arrivato @ignaziomarino e l'ha trasformata in questo degrado. Un genio. #terzomondo". Un grido di dolore, quello di Muccino, che si riassume in un tweet scritto a caratteri cubitali: "#ignaziomarinoacasa Roma merita di più. Più di tutto".

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA