Ambiente: ok della Regione a progetto per riserva Stagnone

(ANSA) - MARSALA (TRAPANI), 10 OTT - Favorire il ricircolo e il ricambio d'acqua all'interno della Riserva naturale dello Stagnone. Ed inoltre interventi di "riforestazione" della posidonia oceanica. E' quanto prevede un progetto redatto dal Comune di Marsala per il "miglioramento e ripristino dell'ambiente" dell'area marina di fronte la sua costa nord. Il progetto ("Rinasce - Interventi finalizzati al recupero delle condizioni ambientali del bacino dello Stagnone di Marsala") è stato, adesso, dichiarato ammissibile a finanziamento da parte della Regione.
    Si tratta, spiega una nota del Comune, di "un investimento di quasi 1,15 milioni di euro (fondi Po Fesr 2014/2020), volto al miglioramento e ripristino dell'ambiente lagunare, con particolare riferimento alla circolazione idrica della parte nord occidentale dello Stagnone".
    "È molto importante avere superato questa prima fase - afferma il sindaco di Marsala Alberto Di Girolamo - a dimostrazione della validità di quanto programmato, condiviso altresì dagli altri Enti interessati alla salvaguardia di quel delicato ambiente naturale". Il riferimento è agli accordi di collaborazione sottoscritti dal Comune di Marsala: uno con il Libero consorzio comunale di Trapani (ente gestore della riserva); l'altro con il Consorzio nazionale interuniversitario per le scienze del mare (Conisma), avvalendosi altresì dei contributi scientifici dei professori Mazzola, Calvo, Vizzini e Ciraolo dell'Università di Palermo.
    "Altra finalità del progetto - aggiunge il sindaco Di Girolamo - è quella di realizzare un piano di comunicazione ed educazione ambientale a beneficio della conoscenza dell'area. In tale contesto, coinvolgeremo scuole, cittadini, operatori turistici e visitatori". Il progetto "Rinasce" - che rientra tra i 38 interventi ammessi dalla Regione, sul totale dei 71 valutati - ha come obiettivo prioritario "il ripristino di alcuni canali della Bocca Nord e nella zona settentrionale dell'Isola Lunga al fine di migliorare la circolazione idrica".
    "Con la riattivazione della rete idrografica della laguna - conclude la nota del Comune - risulterà migliore la salinità e l'ossigenazione delle acque, riducendo così gli effetti negativi sulla flora e fauna ittica".(ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        vai

        ANSA ViaggiArt

        Al confino a Ustica, testimonianze antifasciste

        Tra il 1926 e il 1927 nella piccola isola vennero confinati molti esponenti della sinistra italiana, da Gramsci a Bordiga. La testimonianza del loro passaggio in una mostra a Palermo

        Confino degli antifascisti a Ustica, mostra di foto a Palermo (ANSA)
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere