Corte Ue respinge ricorso fondi Sicilia

'Gravi carenze nella gestione e nei controlli'

(ANSA) - BRUXELLES, 26 GIU - La Corte Ue ha respinto definitivamente il ricorso dell'Italia contro il taglio di circa 380 milioni di euro ai fondi europei per la Sicilia (Por 2000-2006), a causa delle gravi carenze nella gestione e nei controlli.
    A partire dal 2005 la Commissione ha effettuato una serie di audit, riscontrando gravi carenze e varie irregolarità, alcune accertate dall'Olaf, l'organismo europeo anti frode. Il 17 dicembre 2015, la Commissione ha ritenuto che, a causa delle irregolarità "singole e sistemiche constatate", il contributo finanziario dovesse essere ridotto di 380 milioni. L'Italia ha presentato un ricorso al Tribunale Ue, che l'ha rigettato il 25 gennaio 2018. L'Italia ha quindi impugnato la sentenza davanti alla Corte di giustizia, che oggi respinge integralmente il ricorso dell'Italia, confermando le valutazioni del Tribunale.
    Intanto, il deputato del M5S all'Ars, Luigi Sunseri, parla di "incapacità della burocrazia" e chiede al governatore Nello Musumeci di aprire un'indagine interna.
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai alla rubrica: Pianeta Camere