Pasqua: A Castelvetrano va in scena la Passione di Cristo

Sabato 20 aprile al parco Carimi con 40 attori e 80 figuranti

(ANSA) - PALERMO, 16 APR - Tutto è compiuto": è questo il tema della rappresentazione sacra che si terrà sabato 20 aprile alle ore 16,00 a Castelvetrano presso il parco Fattoria Rosario Carimi. Quaranta attori ed ottanta figuranti faranno rivivere, in una ambientazione simile a quella reale di duemila anni fa, la Passione di Cristo dal momento dell'arresto nell'orto degli ulivi sino alla Crocifissione e poi alla Resurrezione. Il parco è esteso oltre 10.000 mq ed è coltivato ad oliveto, ospita un numero elevatissimo di animali di specie diverse. Il sacro evento sarà rappresentato con effetti scenografici suggestivi. Attori, figuranti, arredi sacri e costumi dell'epoca realizzati da una equipe di sarte. L'ideatrice, regista e scenografa è Silvia Rizzo che si è liberamente ispirata agli scritti "La Passione del Signore" di Anna Katharina Emmerick. "Il progetto si propone di descrivere con sorprendente precisione e in dettaglio - spiega la regista - le ultime azioni di Gesù e della Madonna. L'idea nasce dal fatto che io e il mio compagno, Filippo Carimi, avevamo già realizzato con grande successo il 'Villaggio di Betlemme', lo scorso dicembre e quindi abbiamo pensato di creare un secondo evento che raccontasse la vita di Gesù, la sua sofferenza e la Resurrezione". Il pubblico, guidato da una voce narrante fuori campo, assisterà all'incontro di Gesù coi discepoli, durante quella che sarebbe stata "l'ultima cena", al tradimento e all'arresto. Particolarmente significativo il tormento di Giuda, interpretato da Giuseppe Cimarosa che, perseguitato da un esercito di demoni, non resisterà al rimorso, decidendo di porre fine alla propria esistenza, impiccandosi. La "Via Crucis" particolarmente toccante e suggestiva, vedrà Gesù ed i due ladroni attraversare il parco tra il pubblico, cadere, e rialzarsi. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      vai

      ANSA ViaggiArt

      Al confino a Ustica, testimonianze antifasciste

      Tra il 1926 e il 1927 nella piccola isola vennero confinati molti esponenti della sinistra italiana, da Gramsci a Bordiga. La testimonianza del loro passaggio in una mostra a Palermo

      Confino degli antifascisti a Ustica, mostra di foto a Palermo (ANSA)