Solari, riaffiora il populismo

Regista a Siracusa con 'I Cavalieri' di Aristofane dal 29 giugno

(ANSA) - SIRACUSA, 22 GIU - "Le parole di Aristofane sono più che mai necessarie, la natura umana non è cambiata e l'attuale situazione politica è tornata ad essere la stessa comicamente volgare, intrisa di demagogia e populismo, raccontata in questa commedia". Giampiero Solari presenta così "I Cavalieri" di Aristofane, commedia del festival della Fondazione Inda che debutta il 29 giugno al Teatro Greco di Siracusa, per la prima volta nel cartellone delle rappresentazioni classiche. In scena Francesco Pannofino (il salsicciaio), Antonio Catania (Demo), Gigio Alberti (Paflagone), Giovanni Esposito (Demostene), Sergio Mancinelli (Nicia) e Roy Paci, per la prima volta sul palco del Teatro Greco nella sua Siracusa, che cura le musiche dello spettacolo e sarà anche in scena nei panni del corifeo.
    "Sono passati 2500 anni da quando Aristofane si permetteva di prendere in giro i politici del suo tempo - ha spiegato Solari -, che erano gretti, beceri, esseri grotteschi che si affannavano in una sgangherata corsa al potere".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere