Sicilia, economia illegale vale 15 mld

Pari al 19,2% del Pil, peggio in Calabria e Campania

(ANSA) - PALERMO, 11 GEN - E' di 14,95 miliardi il valore dell'economia illegale in Sicilia, con una incidenza del 19,2% sul Pil (77,89 mld nel 2015). La percentuale, come si legge nell'ultimo bollettino Istat diramato a fine anno, è più alta solo in due regioni, Calabria (21,3%) e Campania (20,1%). Un fiume di denaro per quella che gli esperti definiscono 'economia non osservata' e che include sommerso e attività illegali. Negli ultimi 3 anni, prendendo per buoni i numeri, la Sicilia ha prodotto un economia non osservata pari a quasi 50 mld di euro.
    Soldi sconosciuti al Fisco e agli Istituti di previdenza. Dentro questa montagna di soldi stimata per il 2015 c'è un po' di tutto: dalle imposte non dichiarate dalle imprese per 5,68 miliardi (7,3%) al lavoro nero per 6,31 miliardi (8,4%) alla voce economia illegale per altri 2,96 miliardi (3,3%). Se la Regione riuscisse a incassare parte di questa montagna di denaro risolverebbe molti dei suoi problemi: basti pensare all'indebitamento pari a 8 mld e al disavanzo pari a quasi 6 mld.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Avv. Santo Spagnolo - Studio Legale Spagnolo e associati

Studio legale Spagnolo e associati: Il “Le Fonti award” come miglior team 2017.

Avvocato Santo Spagnolo: “lavorare in sinergia è la nostra forza”.


Dott. Italo Garigale

Studio di chirurgia estetica Garigale: I laser frazionati: l’ultima frontiera della medicina estetica.

Dottor Italo Garigale: la nuova tecnica di ispirazione indiana permette interventi mini invasivi e tempi di recupero record.


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere