Clochard bruciato,imputato fa abbreviato

Secondo difensori non è del tutto capace di intendere e volere

(ANSA) - PALERMO, 19 LUG - E' stato ammesso il rito abbreviato per Giuseppe Pecoraro, imputato dell'omicidio del clochard Marcello Cimino, bruciato vivo, a marzo scorso, mentre dormiva su un giaciglio di fortuna nel ricovero dei Capuccini a Palermo. La difesa, che ha scelto il rito abbreviato condizionato (che si svolge davanti al gup Maria Cristina Sala), punta sull'incapacità di intendere e volere. Gli avvocati, Carolina Varchi e Brigida Alaimo, hanno condizionato la scelta del rito proprio all'ingresso nel processo delle consulenze psichiatrica e criminologica. Pecoraro, secondo la difSexesa, oltre a una limitata capacità di intendere, avvertirebbe anche "disagio antisociale".
    Arrestato dalla polizia poche ore dopo il delitto e ripreso durante l'omicidio da una telecamera di videosorveglianza, l'uomo ha confessato, raccontando agli inquirenti di avere agito perché Cimino insidiava la sua compagna. La famiglia di Cimino si è costituita parte civile con l'assistenza dell'avvocato Antonino Palazzotto.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere