Migranti: sindaco non siamo razzisti

Lionetto, faremo arrivare corrente ma protesta continua

(ANSA) - CASTELL'UMBERTO (MESSINA), 15 LUG - "Noi non siamo razzisti. I sindaci dei Nebrodi hanno sempre accolto i migranti e continueranno a farlo, ma servono le giuste strutture e anche un coordinamento istituzionale migliore". Lo dice Vincenzo Lionetto, sindaco di Castell'Umberto, nel Messinese, che insieme ai concittadini sta protestano per l'arrivo in un hotel del paese di 50 migranti. "Abbiamo fatto entrare il gruppo elettrogeno che deve fornire la luce all'hotel perché non ci sembrava giusto che persone che già hanno tanto sofferto durante la traversata in mare continuassero a soffrire restando senza corrente".
    "La nostra protesta prosegue, ma il prefetto di Messina mi ha assicurato che si valuterà domani se spostare i migranti in un'altra struttura, a Brolo. Noi siamo ancora davanti all'hotel insieme al sindaco di Sinagra", spiega Lionetti. "Per domani - prosegue - abbiamo convocato i 40 sindaci dei comuni dei Nebrodi perché da tempo lamentiamo che non ci sia un raccordo tra i Comuni e le istituzioni statali".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Filippo Sirchia - Target Agenzia Investigativa

Agenzia Investigativa Target di Siracusa: L’utilità di un ruolo a difesa e tutela delle aziende

La protezione preventiva contro il falso o la frode alla base del successo di un’attività.



Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere