Bimbo morto a Messina: medici, fatto tutto il possibile

Direttore Policlinico, complicazioni improvvise forse meningite

(ANSA) - MESSINA, 1 FEB - "Abbiamo fatto tutto il possibile, riteniamo che non ci siano oggettive responsabilità dei sanitari del Policlinico". Così il professore Carmelo Salpietro, direttore dell'Unità operativa complessa di Genetica e Immunologia Pediatrica dell'Azienda ospedaliera universitaria di Messina commenta la morte del bimbo di 10 mesi per la quale la procura ha iscritto 11 sanitari nel registro degli indagati. "Quando è arrivato il piccolo - racconta Salpietro - la situazione non sembrava cosi grave, un ricovero senza particolari complicazioni. Ad un tratto però la situazione clinica é immediatamente cambiata facendo presagire complicanze neurologiche, come se fosse stato colpito da meningite". I genitori del piccolo raccontano che il bambino ha accusato all'improvviso febbre alta, vomito, diarrea; intorno alle 8.30 lo hanno trasportato al Policlinico e hanno atteso per il ricovero. Dopo appena due ore, alle 10.30, il bimbo è deceduto.
    La procura sta cercando di ricostruire coa sia accaduto in questo lasso di tempo. Domani pomeriggio il sostituto procuratore Antonio Carchietti conferirà a un medico legale l'incarico di eseguire l'autopsia che sarà effettuata all'obitorio del Policlinico. A Scaletta Zanclea, il paese del quale sono originari i due giovani genitori, è a lutto. La coppia aveva quest'unico figlio. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere

Progetto Caltanissetta e Caserta sicure e moderne