Giallo a San Mauro, raid vandalici nella notte ed è allarme

Nel mirino anche auto vicesindaco e capogruppo opposizione

(ANSA) - PALERMO, 18 GEN - All'inizio sembrava una storia privata. Ma poi i misteriosi incursori hanno preso di mira anche il vice sindaco, il marito della capogruppo dell'opposizione, i familiari di consiglieri di maggioranza e di minoranza. A tutti è arrivato un identico messaggio intimidatorio con il taglio delle ruote delle auto. E a quel punto a San Mauro Castelverde, un piccolo paese delle Madonie, nel Palermitano, si è diffuso un forte allarme sociale. Gli episodi sui quali stanno indagando i carabinieri sono dodici. Il primo è di una decina di giorni fa quando sono state tagliate le ruote di tre auto appartenenti a due fratelli e a un loro cognato. Il caso sembrava collegato a una storia privata. E a rendere più fosco il contesto dei fatti è stata la scoperta di una scia di sangue, apparentemente umano, che arrivava fino all'abitazione di una persona. Il giovane è stato anche sentito dai carabinieri ai quali ha dimostrato di non avere ferite e di non potere essere quindi sospettabile come autore dell'intimidazione.
    Nei giorni successi sono stati registrati altri danneggiamenti. Tra gli obiettivi anche il vice sindaco Giorgio Pace e familiari di consiglieri comunali sia di maggioranza che di opposizione. "Ma siccome nessuno ha ricevuto minacce e pressioni di alcun genere tendo a escludere che questi raid abbiano una matrice politica" dice il sindaco Giuseppe Minutilla, esponente di una lista locale di centro destra.
    "Tuttavia - aggiunge - il paese è preoccupato. C'è un clima pesante, la gente non si sente sicura". Il sindaco si è ora rivolto al ministro dell'Interno per chiedere che sia attivato almeno un sistema di videosorveglianza. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere

Progetto Caltanissetta e Caserta sicure e moderne