Apre ma senza ospiti Cpr in Sardegna

Operativa struttura ex carcere Macomer, primi arrivi imminenti

Nessuna ufficialità sull'arrivo dei primi ospiti nel Centro regionale permanente per il rimpatrio dei migranti (Cpr) di Macomer, prima struttura in Sardegna operativa ufficialmente da oggi sorta nell'edificio che fu un carcere. Gli arrivi, comunque, sarebbero imminenti. Attualmente sono disponibili 50 posti, a regime saranno cento. Nel frattempo si stanno concludendo le procedure per la scelta del giudice di pace - sarà competente quello del tribunale di Oristano - che dovrà decidere sui provvedimenti di espulsione.

Il Comune saluta positivamente l'apertura del Cpr ("darà linfa nuova all'economia della città") ma a sforzare gli entusiasmi ci pensa l'opposizione. "Per lo sviluppo di Macomer è una strategia fallimentare perchè si droga il mercato - denuncia all'ANSA Arturo Uleri, consigliere comunale della lista Uniamoci per Macomer, responsabile cittadino di Fdi ed esponente del comitato No al Cpr - le forze dell'ordine che hanno occupato tutti gli alberghi della città, come che se fossimo in uno 'stato di polizia', potrebbero durare poco e noi ci ritroveremo di nuovo con gli hotel vuoti e senza un piano b. Si cerca in maniera molto goffa di riportare un benessere che per noi è puro e semplice assistenzialismo con i soldi dello Stato. Gli alberghi qui sono sold out: ho chiamato io stesso per un collega che arriva da Verona, ma niente prenotazioni, sono tutti pieni".

All'attacco anche sul fronte sicurezza. "In Sardegna continuano ad arrivare clandestini e una volta qui - spiega Uleri - nonostante le rassicurazioni della Prefettura, noi pensiamo che qualche problema potrà esserci". Insomma, riassume un'altra esponente del comitato cittadino, Gina Falchi, "il Cpr e i suoi posti di lavoro non saranno la soluzione alla depressione economica del territorio".

PREFETTURA, SU ARRIVI DECIDE IL MINISTERO - "L'arrivo dei migranti nel centro per i rimpatri di Macomer è imminente, sarà il ministero dell'Interno a decidere chi e quando". Lo ha confermato all'ANSA la prefetta di Nuoro Anna Aida Bruzzese, che spiega. "Il ministero assegnerà i posti a seconda degli sbarchi. Non sappiamo ancora da dove arriveranno gli ospiti, potrebbero arrivare dalla Sardegna, ma anche da altri Cpr della penisola. Il trasferimento - precisa - sarà curato dalla Questura di Cagliari in stretto raccordo con la Questura di Nuoro che gestisce la fase dell'accoglienza". Una volta giunti in città, la pratica per l'ingresso nel centro passerà al giudice di pace di Macomer.

"L'ufficio del giudice - riassume la prefetta - provvederà a convalidare i provvedimenti di accoglienza emessi dall'ufficio immigrazioni delle Questure di provenienza dei migranti, e a questo punto gli ospiti potranno entrare nella struttura". "Noi come Prefettura ci occuperemo di predisporre le misure di sicurezza per gli ospiti e gli operatori e in generale per il contesto che li accoglie - aggiunge Anna Aida Bruzzese - A questo proposito mi sento di tranquillizzare tutti: le forze di Polizia sono arrivate, così come il contingente militare dell'operazione 'Strade Sicure' della Brigata Sassari che provvederà alla sorveglianza".
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie