Eurallumina: nuova fase di mobilitazione

"Iter autorizzativo al palo", sit in in assessorato Ambiente

I lavoratori dell'Eurallumina di Portovesme si preparano ad una nuova iniziativa di mobilitazione, che vedrà le tute verdi Sulcitane in sit in davanti all'assessorato dell'Ambiente a Cagliari, venerdì 21 giugno, a partire dalle ore 9. Obiettivo come ha spiegato a nome della Rsu da Antonello Pirotto durante l'assemblea degli operai, "avere urgenti chiarimenti dall'assessore Gianni Lampis, in coordinamento con gli assessori della Sanità Mario Nieddu e dell'Industria Anita Pili e dalla Presidenza della giunta, sulla conclusione di un interminabile iter procedurale per il riavvio della produzione di allumina".
    Il percorso autorizzativo per Via e Aia è stato "lasciato in sospeso dalla precedente giunta regionale, ma ora è fermo al palo - dicono i lavoratori - Ad essere messi a rischio non sono solo i posti di lavoro, ma anche gli oltre 200 milioni di investimenti".
    "La Rusal ha già dichiarato in tutte le sedi, che deve essere avviata la produzione entro il 2021 e i tempi tecnici per arrivarci viste le opere da realizzare, sono già quasi al limite, pena l''abbandono del progetto e degli investimenti - spiega Pirotto Se non ci fossero sviluppi positivi a breve, sarà obbligatorio il licenziamento collettivo di tutti i lavoratori".
    A questo si somma il problema dell'energia, con il phase out stabilito al 2025 per la chiusura delle centrali a carbone. "Una mancata proroga almeno sino al 2030 per la Sardegna e la contestuale realizzazione di una rete per il metano - osserva Pirotto - cancellerebbe ogni possibilità di ripresa delle aziende ancora ferme, e nei prossimi 2/3 anni la definitiva chiusura di quelle ancora in produzione. Si attende la convocazione del tavolo ministeriale al Mise specifico per la Sardegna".

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai alla rubrica: Pianeta Camere