Regionali, "candidare donna presidente"

Elena Vidili, partiti disattenti. Eredità passato dura a morire

Una donna candidata alla carica di governatore della Sardegna: è l'appello che "Donne attive" di Energie per l'Italia, il movimento femminile del partito coordinato a livello regionale da Tore Piana, lancia ai partiti storici del centrodestra moderato in vista delle regionali di febbraio 2019.

"Le grandi manovre in vista delle elezioni sono in corso - fa notare la coordinatrice Elena Vidili - ma le donne, che pure tanto hanno dato in termini di appartenenza nei partiti storici, non sono ancora inserite in posizioni decisionali".

"Dove sono - si chiede - le nuove figure che oggi più di ieri saranno richieste nelle liste in virtù della legge sulla doppia preferenza di genere?". "Quando mancano cinque mesi alle elezioni, i partiti e i movimenti sembrano ancora molto disattenti", denuncia Vidili. Forse, spiega, perché "l'eredità del passato è dura a morire, mentre l'opportunismo prende il sopravvento".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere