Ciclismo: Aru, attenti a salita Mondiali

Ct Cassani avverte: "La chiamano la 'salita dell'inferno'"

(ANSA) - INNSBRUCK (AUSTRIA), 20 APR - "Il percorso è veramente duro, la salita - da affrontare sette volte - è selettiva. Abbiamo appena provato l'ultimo strappo che si affronta solo all'ultimo passaggio e devo dire la verità: farà tanta selezione. All'inizio non è durissimo, ma l'ultimo chilometro è davvero impegnativo". Così Fabio Aru, che ha appena concluso le fatiche al Tour of the Alps, rileva le insidie del circuito del Mondiale di ciclismo su strada, a Innsbruck. "Non è la prima volta che vengo qui: da bambino ci ho trascorso qualche volta la vacanze con i miei genitori - aggiunge il sardo dell'Uae Emirates -. Gareggiare oggi su queste strade è stato veramente bello". "Il tratto finale viene denominato la 'salita dell'inferno', basta chiedere a chi ci seguiva: c'erano delle auto che non riuscivano più ad andare avanti - osserva il ct degli azzurri, Davide Cassani -. La fai dopo 250 chilometri...
    L'impressione che avevo avuto con Nibali è la stessa che ho avuto oggi con Aru".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere