Elisoccorso in Sardegna dall'1 luglio

Servizio per 8 anni a Airgreen, tre velivoli e tre basi

Anche la Sardegna avrà l'elisoccorso. Il servizio - presente in quasi tutte le altre regioni d'Italia - sarà operativo a partire dall'1 luglio prossimo e sarà gestito da un delle principali società elicotteristiche del paese, la Airgreen, già impiegata in attività di Hems in Piemonte e Valle d'Aosta. Airgreen si è aggiudicata la gara offrendo il 12,4% in meno rispetto alla base d'asta di 73,1 milioni, quindi 58,5 milioni al netto di Iva, ovvero 7,3 milioni all'anno per otto anni. Il servizio sarà effettuato da tre elicotteri su tre basi individuate nei tre aeroporti sardi: Cagliari Elmas (AirbusH12), Alghero Fertilia (Airbus H12), Olbia Costa Smeralda (Leonardo H24). L'equipaggio sarà costituito da cinque persone: due piloti, un medico, un infermiere e l'addetto al verricello che sarà un tecnico del Soccorso alpino.

"Con il ribasso d'asta avremo il più basso prezzo di volo in Italia", spiega il direttore generale dell'Azienda per la Tutela della Salute (Ats), Fulvio Moirano. Al direttore generale di Areus, l'Azienda di emergenza urgenza, Giorgio Lenzotti, spetterà il compito di avviare il servizio, che "cambierà il modo di fare soccorso in Sardegna". "Questo è il terzo tassello della riforma sanitaria dopo la Asl Unica e la rete ospedaliera", sottolinea l'assessore alla Sanità Luigi Arru.

"Finalmente - dice il governatore Francesco Pigliaru - entreremo in un sistema di sanità ragionevole, dove chiunque potrà essere portato all'eccellenza con pari diritti"..
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere