Omicidio nel Cagliaritano, due fermi

Tra ipotesi brutale aggressione, discussione per acquisto droga

(ANSA) - CAGLIARI, 14 FEB - Sono stati fermati con l'accusa di omicidio Ignazio Siddi, 43 anni, e Francesco Farigu, di 41, entrambi di Capoterra (Cagliari), presunti autori della brutale aggressione avvenuta ieri sera a pochi metri dal parco giochi di via Satta a Capoterra, a circa 20 chilometri da Cagliari, in cui è morto Vincenzo Crisponi, 56 anni.
    I carabinieri della Compagnia di Cagliari, con la collaborazione dei colleghi della Stazione di Capoterra, hanno sentito i numerosi testimoni dell'episodio, avvenuto mentre nel parco c'erano anche famiglie con bambini, e hanno ricostruito ogni cosa. Al momento non ci sono conferme ufficiali sul movente dell'aggressione mortale, ma tra le ipotesi c'è quella di una discussione nata per l'acquisto di uno spinello.
    Siddi e Farigu, con buona probabilità, volevano dare una lezione alla vittima. Lo hanno incrociato in via Satta, nei pressi di un circolo privato, mentre si trovava in sella al suo scooter e lo hanno bloccato dicendo che li aveva investiti con il ciclomotore. A quel punto lo hanno aggredito, picchiandolo con calci e pugni. Forse non volevano ucciderlo. Ma l'uomo è caduto a terra, schiacciato dallo stesso ciclomotore, e a nulla sono valsi i tentativi di rianimarlo da parte dei medici.
    Risposte potranno arrivare dall'autopsia che sarà eseguita nei prossimi giorni. Intanto i due sono stati fermati e adesso si trovano in carcere a Uta. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere