Si tuffa per salvare amica, non riemerge

Ricostruita tragedia nell'oristanese, giovane trascinata da onda

Una bella sera d'estate, il mare a pochi passi e la musica a tutto volume che riecheggia tra la spiaggia e un vicino terreno privato, dove un gruppo di camperisti ha organizzato una festa in questo scenario mozzafiato. Si beve, si chiacchiera, si balla: saranno in tutto una ventina di persone arrivate da più parti dell'Isola per un sabato notte alternativo. C'è anche Alessio Atzori, cagliaritano di 42 anni: nemmeno lui si è voluto perdere questo appuntamento sulla costa dell'oristanese.

Siamo a Punta Sa Foghe, poco lontano dalla spiaggia di Porto Alabe, nella marina di Tresnuraghes. Il divertimento diventa tragedia alle 21. Alessio conosce alla festa una ceca di 32 anni: si intendono loro due e decidono di fare quattro passi lontano dal frastuono. Raggiungono la vicina scogliera: il mare è agitato, il versante è esposto ai venti da nord ovest. E il maestrale picchia ancora duro. Uno spettacolo vedere le onde infrangersi maestose sulle rocce. I due si avvicinano, eccitati e curiosi.

Ma la natura non fa sconti, e il mare qui è traditore: un'onda 'anomala' travolge la donna e la scaraventa in acqua. Alessio non perde un secondo: si tuffa subito, la vuole salvare a tutti i costi. Una seconda onda spinge la giovane su uno scoglio, lei riesce ad aggrapparsi e a risalire faticosamente fino a mettersi al sicuro. Alessio invece viene visto riemergere 2-3 volte. Poi scompare, trascinato al largo dalla risacca e inghiottito dai marosi.

La donna, sconvolta e sotto choc, guadagna la riva e subito lancia l'allarme. Alla festa sono distratti, la musica continua e si andrà avanti fino all'alba. Arrivano per primi i carabinieri, seguiti a stretto giro dai vigili del fuoco. Ma il buio impedisce ricerche mirate. All'alba di oggi vengono allertati i mezzi aerei e navali della Capitaneria di Porto di Cagliari e Bosa e della Guardia di Finanza. Si alza in volo anche un elicottero dell'Aeronautica militare.

E comincia la perlustrazione dei fondali da parte dei sommozzatori dei vigili del fuoco di Cagliari e Sassari. Niente: di Alessio, a ormai 24 ore dalla scomparsa, non c'è traccia. Le ricerche sono proseguite fino all'imbrunire, riprenderanno domani alle prime luci del giorno. Forse rimarrà un presidio notturno, nell'ipotesi che il corpo di Alessio possa riaffiorare per consentirne il recupero.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere