Fluorsid: sequestrati altri terreni

Prosegue inchiesta, sigilli zona tra Cagliari e Assemini

Non si fermano le indagini del Corpo Forestale nell'ambito dell'inchiesta della Procura di Cagliari sul presunto disastro ambientale provocato dallo smaltimento degli scarti di lavorazione della Fluorsid di Assemini (Cagliari). Gli agenti della Forestale, coordinati dal commissario Fabrizio Madeddu, questa mattina hanno proceduto al sequestro di nove aree, per complessivi 20 ettari, individuati nella zona industriale di Macchiareddu, tra Cagliari e Assemini, e altri centri. Nei terreni - sotto il controllo del Cacip - sarebbero stati deposti scarti di lavorazione della Fluorsid, azienda che fa capo al presidente del Cagliari Tommaso Giulini (estraneo all'inchiesta e non indagato).

Nei nove siti, per complessivi 20 ettari, sarebbero stati interrati rifiuti irregolarmente. Contemporaneamente gli uomini della Forestale hanno effettuato perquisizioni all'interno degli uffici della Fluorsid e della ditta Bollani, che lavora in appalto per l'azienda di Macchiereddu. All'interno sono stati sequestrati computer e documenti. La ditta Bollani era finita nell'inchiesta già nelle prime fasi, tanto che erano stati arrestati due operai e lo stesso titolare dell'azienda. L'attività della Forestale non è ancora conclusa.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere