Peste suina: nuovo focolaio a Seui

Due animali trovati morti, altri due saranno abbattuti

(ANSA) - LANUSEI, 25 MAG - I veterinari del Servizio di Sanità animale della ASSL di Lanusei, guidato da Dino Garau, durante le attività di monitoraggio e sorveglianza, hanno accertato la presenza di un focolaio di Peste suina africana in un allevamento di Seui composto da quattro suini, di cui due morti già a causa del virus (mentre altri due saranno abbattuti domani).
    Un'ordinanza del sindaco ha disposto l'abbattimento degli animali. Spetta invece alla Regione istituire la zona di protezione, in un raggio di 3 chilometri dal focolaio con 46 allevamenti coinvolti, e la zona di sorveglianza, in un raggio di 10 chilometri dal focolaio con circa 380 allevamenti coinvolti. Entro i sette giorni dall'istituzione della zona di protezione sarà compito dei Servizi Veterinari procedere alle visite cliniche nelle aziende, trascorsi i 45 giorni le stesse aziende saranno sottopose ad ulteriore visita clinica e ai prelievi per i controlli sierologici.
    Dopo 40 giorni dall'istituzione della zona di sorveglianza, i veterinari ASSL procederanno alle visite cliniche negli allevamenti compresi nell'area.
    Arrivano, invece, buone notizie per gli allevatori di Talana: proprio oggi il Servizio di Sanità pubblica veterinaria dell'Assessorato regionale della Sanità ha revocato le misure di protezione e sorveglianza disposte lo scorso marzo. Le restrizioni riguardavano circa 350 allevamenti che ora potranno riprendere regolarmente a loro attività.
    I Servizi di Sanità Animale di Lanusei raccomandano agli allevatori di seguire attentamente le norme di protezione e igiene impartite dai veterinari, unica arma per evitare focolai e contagi.(ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere