Muore a Nuoro padre Cristina Berardi

Donna rapita pubblicò nel 2011 necrologio per morte ex rapitore

(ANSA) - NUORO, 15 MAR - E' morto a Nuoro, all'età di 90 anni, Remo Berardi, padre di Cristina, l'insegnante allora 25enne, rapita dall'anonima sarda il 20 giugno 1987, nei pressi di Villagrande Strisaili, e liberata dalla Polizia il 19 ottobre successivo nelle campagne fra Arzana e Seui in Ogliastra. Berardi, nato a Roma nel 1926, era arrivato a Nuoro 20 anni dopo, città che non ha mai più lasciato e dove è diventato imprenditore di successo nell'ambito dell'edilizia.

Berardi è stato presidente degli industriali barbaricini, consigliere di amministrazione della Banca Popolare di Sassari ed uno degli ideatori della Libera università nuorese. Amava la terra dove ha ha trascorso 70 anni della sua esistenza ma che gli aveva riservato anche tante sofferenze quando ha vissuto alcune pagine tristi: il rapimento di sua figlia e il fallimento della sue aziende: la Impresar e la Costa Ottiolu.

"Cristina Berardi è vicina a Maria Grazia e Tina per la tragica scomparsa del fratello Gianfranco Ara, con profondo rispetto e affetto", sembrerebbe un normale necrologio quello pubblicato l'11 settembre 2011 su un quotidiano sardo se non per due piccoli ma grandi particolari: Gianfranco Ara, deceduto per cause naturali, è stato l'unico condannato a 28 anni per il sequestro della donna che venne liberata dopo quattro mesi. Cristina oltre al perdono aveva voluto esternare pubblicamente la sua carità ed affetto.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Giovanni Degortes - Olbia

“Formazione Point”, il nuovo progetto dello Studio Degortes

La diffusione della conoscenza e la preparazione come risorsa per il mercato del lavoro: dalle PMI agli enti pubblici, la consulenza del lavoro per un mondo globalizzato


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere