Pili(Unidos), Boeing carico di bombe in partenza da Cagliari

Deputato presenta interrogazione al Governo

(ANSA) - CAGLIARI, 29 OTT - Su un Boeing 747 atterrato nella notte all'aeroporto di Cagliati Elmas sono stati caricati vari pallet pieni di bombe. Le operazioni anche questa mattina proprio nel piazzale dello scalo cagliaritano dove si trovano gli altri aerei di linea, lo ha denunciato il deputato di Unidos Mauro Pili. Si tratterebbe di un carico di armi prodotte in una azienda multinazionale che ha lo stabilimento nel Campidano.
    "Un carico di morte senza precedenti sta partendo dall'aeroporto civile di Cagliari. Si tratta di un fatto di una gravità inaudita proprio per il tipo di carico e perché si sta utilizzando un aeroporto civile per un trasporto di guerra - ha sottolineato il parlamentare -. Chi ha autorizzato questo carico e questo viaggio è un irresponsabile considerato che stanno continuando a partire ed atterrare aerei di linea".
    Il deputato rincara la dose: "Siamo dinanzi a fatti che dimostrano l'atteggiamento verso la Sardegna dove si arriva a trasformare un aeroporto civile in un aeroporto destinato ad azioni di guerra vera e propria - evidenzia Pili -. Tutta la notte un aeroporto dedicato a queste operazioni che si stanno protraendo anche la mattina. Di questo fatto deve renderne conto il governo e l'Ente nazionale dell'aviazione civile che con una irresponsabilità senza precedenti ha autorizzato questo carico e questo volo. Per questa ragione ho presentato un'interrogazione urgente al Governo perché risponda di questo trasporto di morte fatto da un aeroporto civile".
    Su quanto accaduto a Elmas interviene anche l'indipendentista Bustianu Cumpostu, Coordinadore Natzionale de Sardigna Natzione Indipendentzia: "Cosa produce la Sardegna? Pecorino Romano, Bombe e Missili da guerra. Questa potrebbe essere una non improbabile verifica scolastica in geografia economica".
   

ENAC, VOLO ERA STATO AUTORIZZATO - Era "regolarmente autorizzato" il "volo cargo operato da Cagliari con materiale bellico a bordo". E' quanto rende noto l'Enac, Ente nazionale di aviazione civile. "In merito alle notizie apparse oggi su alcune agenzie di stampa relativamente ad un volo operato dall'aeroporto di Cagliari con a bordo materiale bellico", l'Enac in una nota spiga che "si trattava di un volo di natura commerciale regolarmente autorizzato nel contesto delle previsioni normative internazionali tecniche che disciplinano il trasporto di tali materiali".

COTTI (M5S), "VOGLIAMO CHIAREZZA" - Le operazioni di carico dei pallet pieni di bombe all'aeroporto civile di Cagliari-Elmas sta innescando non poche polemiche. Dopo la presa di posizione del deputato Unidos Mauro Pili arriva quella di Roberto Cotti, nuovo vice-capogruppo del Movimento 5 Stelle al Senato nonchè membro della commissione Difesa di Palazzo Madama.

"Non ci fanno salire sull'aereo con un tagliaunghie, ma gli ordigni (non si sa al momento quanto carichi di tritolo) li scaricano e caricano tranquillamente, a pochi metri dai civili in attesa di imbarco sui voli Ryanair", denuncia il parlamentare sardo. "La prepotenza del sistema militare non si fa scrupoli neanche quando si tratta di mescolare attività di guerra o di commercio di armamenti con la vita civile: le foto di strumenti di morte accanto ad aerei di trasporto passeggeri sono un simbolo di questa prepotenza - attacca Cotti - Chiedo a tutte le forze politiche di attivarsi per fare chiarezza e per capire cosa sta succedendo e se dobbiamo continuare a vivere, soprattutto nel caso della mia terra, la Sardegna, in un territorio militarizzato su cui di fatto si svolge attività di preparazione alle guerre. È una cosa che il popolo sardo e il popolo italiano assolutamente non vogliono".

L'8 settembre scorso il senatore pentastellato aveva presentato una interrogazione sulla produzione a Domusnovas, in provincia di Cagliari, "di bombe destinate all'Arabia Saudita (primo acquirente di sistemi d'arma del nostro Paese), che le userebbe (per quanto pubblicato dal giornalista Malachy Browne di 'Reported', sito di giornalismo di inchiesta, in un articolo tradotto in italiano da "il Post") per la guerra in corso nello Yemen", ricorda oggi Cotti

INTERROGAZIONE SENATORI - Sul carico dei pallet pieni di bombe imbarcati su un Boeing nell'aeroporto civile di Cagliari-Elmas, due giorni fa, hanno preso posizione anche i senatori Peppe De Cristofaro (Sel), Emilio Floris (Fi), Silvio Lai (Pd) e Luciano Uras (Sel) che hanno rivolto una interrogazione al ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture sulla "possibilità che dall'aeroporto civile di Elmas si effettuino trasporti di ordigni e materiali esplosivi". Dopo aver ricordato che "tali trasporti sarebbero effettuati senza visibili procedure di sicurezza, e senza certezza della necessaria informazione alle autorità e alle strutture pubbliche competenti" chiedono al ministro di conoscere "se l'allarme espresso dai cittadini, associazioni sociali e culturali in merito al trasporto di ordigni e materiali esplosivi sia fondato, e corrisponda al vero che tale trasporto sia effettuato in modo ricorrente e anche in questi giorni senza visibili accurate procedure di sicurezza" e se, infine, "tutto ciò, compresa l'assenza di una adeguata puntuale informazione, non possa pregiudicare traffico e operatività del principale scalo isolano". (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Giovanni Degortes - Olbia

“Formazione Point”, il nuovo progetto dello Studio Degortes

La diffusione della conoscenza e la preparazione come risorsa per il mercato del lavoro: dalle PMI agli enti pubblici, la consulenza del lavoro per un mondo globalizzato


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere