Bimba 5 anni muore di tumore,'E' strage'

Ritengono che malattia sia connessa a inquinamento industriale

(ANSA) - TARANTO, 18 MAR - "Fermiamo questa strage". Lo scrive su Facebook l'associazione 'Genitori Tarantini Ets' dopo aver appreso la notizia della morte della bimba tarantina Marzia Rebuzzi, di 5 anni, affetta da un tumore al cervello, malattia che l'associazione ritiene connessa all'inquinamento industriale nel capoluogo jonico. Marzia era ricoverata all'ospedale Bambin Gesù di Roma. La piccola Marzia era la nipotina di Aurelio Rebuzzi, papà di Alessandro, il 16enne morto il 2 settembre 2012 a causa di una fibrosi cistica. Nelle manifestazioni ambientaliste alle quali partecipava, il ragazzo urlava: "Noi vogliamo aria pulita". Oggi "la città - scrivono i Genitori Tarantini, che il 25 febbraio scorso hanno organizzato la Fiaccolata in ricordo di bimbi e ragazzi morti di tumore - dovrebbe essere coperta da un velo nero, non quello dei fumi che ci stanno ammazzando, ma un velo nero per un lutto inaccettabile".
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
        TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

        Video ANSA


        Vai alla rubrica: Pianeta Camere