Truffa con farmaci in ospedale Brindisi

Operazione Nas, coinvolti dipendenti Sanitaservice e farmacia

(ANSA) - BRINDISI, 17 OTT - Rubavano dall'ospedale 'Perrino' e poi rivendevano, non solo medicinali ma anche pannolini, guanti e amuchina le dieci persone persone, per lo più dipendenti della Sanitaservice, società in house della Asl di Brindisi, raggiunte oggi da ordinanze di custodia cautelare (sette ai domiciliari, due in carcere e un obbligo di dimora), eseguite questa mattina dai carabinieri del Nas di Taranto, con i militari dell'Arma della compagnia di Brindisi. In tutto sono 46 gli indagati nell'inchiesta del pm Valeria Farina Valaori.

Gli investigatori ritengono di aver sgominato un giro di vendita illegale di medicinali ospedalieri ma anche pannolini, guanti e amuchina rubati all'interno della farmacia dell'ospedale 'Perrino' di Brindisi per essere venduti all'esterno tramite un intermediario. Ad acquistarli, persone comuni ma anche, a quanto emerso dalle indagini, uno studio medico e un ristoratore che figurano nell'elenco delle 36 persone che hanno ricevuto stamattina un decreto di perquisizione e sequestri. Gli arrestati, ai quali sono contestati a vario titolo accuse di peculato, furto aggravato, ricettazione e truffa ai danni del servizio sanitario nazionale, sono per lo più dipendenti della Sanitaservice, azienda in house della Asl, con ruolo di portantini e incarico di trasportare farmaci e presidi nei reparti.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere