COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale CONSIGLIO REGIONALE VENETO

CRV - Unanimità sulla legge che promuove il cicloturismo e istituisce il logo Venice Bike Lands

Oggi in Consiglio regionale del Veneto

CONSIGLIO REGIONALE VENETO

Politica - "Via libera all'unanimità alla promozione del cicloturismo e all'istituzione del logo 'Venice Bike Lands'"

(Arv) Venezia 31 lug. 2019 -      Nella seduta odierna, il Consiglio regionale del Veneto ha approvato all’unanimità il Progetto di Legge n. 331, ‘Promozione del cicloturismo e istituzione del logo Venice Bike Lands’, di cui è primo firmatario Nicola Finco (LN), già licenziato dalla Sesta Commissione.

Il Relatore, Finco, ha introdotto la discussione generale: “Con L.R. 14 giugno 2013, n. 11, "Sviluppo e sostenibilità del turismo veneto", è stato introdotto un articolo dedicato al cicloturismo, che si sta affermando sempre più nella nostra regione, anche vista la natura del nostro territorio e la vocazione della sua gente al "pedale". Il cicloturismo rappresenta un modo di muoversi e conoscere, che riduce la distanza tra natura, ambiente, paesaggio e turista il quale, pedalando, si trova in interazione e silenziosa armonia col contesto naturale e del paesaggio. I vantaggi apportati dall'offerta cicloturistica sono molteplici, facilmente intuibili, ma soprattutto misurabili. Secondo una recente indagine della Commissione UE, il cicloturismo praticato lungo la rete europea di percorsi ciclabili (Eurovelo) genera una ricaduta economica di 47 miliardi di Euro/anno. Senza tener conto che il cicloturismo, se promosso e praticato secondo precise regole, è, assieme al turismo escursionistico a piedi, l'approccio turistico più rispettoso dell'ambiente, dell’ecosistema e del paesaggio. Altri indicatori di crescita di questa tendenza sono dati dall'aumento del numero di Tour operator specializzati e la costituzione dì club dì prodotto legati alla bicicletta in molte destinazioni turistiche, con chiari risvolti positivi anche in ambito occupazionale. Con questa proposta normativa, si vogliono creare in modo strutturale le migliori condizioni per la promozione del cicloturismo nel nostro territorio, mettere a sistema le molte iniziative già assunte, sia da parte pubblica che da parte privata, fornire una immagine unica di offerta cicloturistica a tutti gli amanti delle vacanze, in o con la bicicletta.

La messa a sistema di una offerta cicloturistica solida e competitiva in Veneto, richiede un ampio coinvolgimento e condivisione di strategia da parte della Regione, degli amministratori locali e delle associazioni rappresentative del cicloturismo, da realizzarsi attraverso lo strumento della concertazione, oltre a quello della programmazione, con l'approvazione di un Piano regionale di sviluppo del cicloturismo. La Regione dovrà definire le dotazioni ed i servizi delle strutture ricettive per il cicloturismo, individuando i requisiti obbligatori al fine dell'utilizzazione della parola "bike", in aggiunta o in sostituzione alle denominazioni per le strutture ricettive alberghiere, all'aperto e complementari. Con questo PdL, si vuole, quindi, non solo promuovere il cicloturismo quale strumento di diversificazione dell'offerta turistica eco-sostenibile, nel rispetto dell'ambiente e del paesaggio rurale del territorio regionale, ma anche sostenere la formazione dell'operatore cicloturistico nell'intento di fornire così nuovi possibili sbocchi occupazionali”.

La Correlatrice Francesca Zottis (PD): “Come già in Sesta Commissione, voteremo a favore di una proposta normativa che arricchisce e rafforza le proposte del cicloturismo, garantendo adeguati servizi ai turisti, in particolare a quelli  stranieri, del Nord Europa. Mi auguro che il cicloturismo possa diventare una esperienza sensoriale e culturale, con un impatto positivo dal punto di vista sociale ed economico. Anche così, si promuove l’immagine del Veneto a livello internazionale”.

Maurizio Colman (LN): “E’ importante anche valorizzare il progetto delle grandi salite del Veneto, e accontentare così quei cicloturisti che vogliono monitorare le loro prestazioni”.

Alberto Villanova (ZP), Presidente della Sesta Commissione: “Mi complimento con il primo firmatario del PdL Finco, con Colman e con tutti i componenti della Sesta Commissione per il lavoro svolto. Sottoscrivo con convinzione questa proposta normativa”.

Archiviato in