COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale CONSIGLIO REGIONALE VENETO

CRV - "Audizione con i sindaci interessati all'interramento dell'elettrodotto di Terna"

in Seconda Commissione consiliare

Infrastrutture - "In Seconda Commissione l'audizione con i sindaci dei comuni interessati all'interramento dell'elettrodotto di Terna"

(Arv) Venezia 18 mag. 2017 - Nella giornata odierna, la Seconda Commissione consiliare permanente ha ospitato l’audizione con i sindaci dei comuni che insistono sui territori in cui verrà realizzato l’elettrodotto di Terna ‘Fusina – Dolo – Camin’. I Primi Cittadini auditi, se da una parte hanno espresso la piena consapevolezza della necessità di realizzare l’opera infrastrutturale, dall’altra hanno avanzato critiche in ordine alle modalità esecutive della stessa, tecniche e procedurali, portate avanti da Terna. La scelta infrastrutturale di Terna, infatti, ovvero la realizzazione di una linea elettrica di alta tensione per via aerea, sarebbe antiquata, riprodurrebbe più o meno un progetto già bocciato dal Consiglio di Stato e, soprattutto, sarebbe poco rispettosa del territorio, peraltro di particolare pregio dal punto di vista culturale e architettonico. La proposta avanzata dai sindaci è quindi quella di convincere Terna a modificare il progetto tecnico, passando alla tecnologia cavo e all’interramento, anziché realizzare la linea aerea. Il presidente della Seconda Commissione consiliare sottolinea come “occorra rafforzare la tutela del paesaggio e la salvaguardia del nostro territorio. Pertanto, è auspicabile modificare il progetto tecnico per la realizzazione dell’elettrodotto, prevedendo l’interramento dei cavi; la Seconda Commissione, quindi, calendarizzerà a breve l’audizione con Terna per capire se, alla base della scelta infrastrutturale della linea aerea adottata dall’operatore di reti per la trasmissione dell'energia elettrica, ci siano motivazioni diverse da quelle di un mero risparmio economico”. Per il vicepresidente “l’obiettivo di arrivare all’interramento dell’elettrodotto è strategico perché in Veneto ci sono altri progetti in itinere, e perciò questo potrebbe essere uno spartiacque per un Veneto del futuro, a cavi aerei, con tutti i rischi connessi, o a cavi interrati, che tutelano paesaggio, ambiente e, soprattutto, la salute pubblica”.
La Seconda Commissione consiliare permanente, inoltre, alla presenza del competente Assessore regionale, ha proseguito la lettura degli articoli del Progetto di Legge unificato n. 167, recante ‘Norme in materia di Edilizia Residenziale Pubblica’. Nella prossima seduta, verrà completata la lettura del testo normativo, che sarà successivamente inviato alla Struttura Legislativa regionale per le opportune modifiche, per poi tornare in Commissione per la sua definitiva approvazione.

 

Archiviato in