COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale Prima Pagina Comunicazione

Schneider Electric cerca “Green Runner” per la Maratona di Parigi 2019

La maratona sarà a emissioni zero, grazie a un progetto per compensare la CO2 prodotta e all'impegno dei partecipanti in sfide legate alla sostenibilità.

Schneider Electric invita tutti i partecipanti all’edizione 2019 della Schneider Electric Marathon de Paris, che si terrà il 14 aprile prossimo,  ad unirsi alla comunità dei “Green Runner”.  L’azienda, inoltre, compenserà tutte le emissioni di anidride carbonica legate allo svolgimento della maratona che non si potranno evitare e aggiungerà il suo contributo a quanto ottenuto dagli impegni per la sostenibilità che i “Green Runner” si prenderanno.

Green Runners: una comunità di ambasciatori per città più vivibili

Schneider Electric vuole ispirare i runner di tutto il mondo a partecipare alla “gara” per costruire un futuro più sostenibile e dare loro strumenti per farlo. Per questo li invita a unirsi alla comunità dei Green Runnery, che vogliono rendere le città più vivibili – e più adatte a correre. 

Partecipando al programma Green Runners, accessibile al sito web schneider-electric.com/segreenrunners i corridori possono trovare consigli, informazioni pratiche e partecipare ogni settimana a una nuova sfida online volta a ridurre le emissioni. Per ogni 65 kg di CO2  risparmiata dai green runner nel completare queste sfide, Schneider Electric si impegna a donare una lanterna solare Mobiya, una cucina a biomasse migliorata e dieci semi di mangrovia alle ONG che sono sue partner in Africa e nell’Est Asiatico. Sfide e vincitori saranno resi noti ogni settimana.

Circa 7.000 persone tra clienti, partner e dipendenti di Schneider Electric parteciperanno quest’anno alla maratona – erano 5.900 nel 2018.  Verranno da sessanta diversi paesi del mondo e saranno sia importanti ambasciatori e protagonisti in prima persona di attività per rendere le città più pulite e piacevoli da vivere.  Questa è una gara che Schneider Electric corre ogni giorno, insieme ai suoi partner.

Il Kenya sarà il principale beneficiario della compensazione delle emissioni della Schneider Electric Marathon de Paris

Schneider Electric Marathon de Paris è la seconda maratona più popolare al mondo, dopo quella di New York. Quest’anno il 14 aprile si aspettano circa 58.000 partecipanti e oltre un terzo di essi arriverà in Francia provenendo da un altro continente. Di conseguenza, il 93% di tutte le emissioni di CO2 associate all’ evento (26.000 tonnellate) sono prodotte dal trasporto aereo. Tutte queste emissioni saranno compensate in modo da rendere la maratona carbon neutral al 100%.

Dato che in passato i maratoneti keniani hanno fatto registrare risultati eccellenti alla Paris Marathon, l’azienda ha deciso di indirizzare la compensazione delle emissioni dell’evento proprio nel loro paese, e lo farà investendo in Livelihoods Funds. Livelihoods Fund collaborerà con Climate Pal per espandere il loro progetto Hifadhi – che distribuisce cucine economiche a biomasse e semi di albero nella zona dell’Embu East District in Kenia.

Più inclusiva e sostenibile

Schneider Electric si impegna anche a rendere la Maratona di Parigi più inclusiva. Come l’anno scorso, le donne inizieranno la gara 15 minuti prima degli uomini: in questo modo i primi arrivati di entrambi i sessi arriveranno al traguardo insieme e tutti potranno vederli arrivare dal vivo in TV in Francia e in 189 paesi del mondo dove la maratona viene trasmessa. 

Per aumentare la partecipazione dei giovani, Schneider Electric ha anche assegnato 150 iscrizioni gratuite alla Maratona a studenti universitari di economia e ingegneria. Dipendenti Schneider Electric e altri volontari aiuteranno i partecipanti in carrozzina. I Green Runner che parteciperanno alle sfide settimanali previste riceveranno anche dei suggerimenti sul tema dell’inclusione e diversità durante la loro preparazione.

E’ il settimo anno in cui il Gruppo è partner ufficiale di una gara che ora è nota come Schneider Electric Marathon de Paris. L’idea di compensare le emissioni è stata attuata a partire dal 2016, con un obiettivo del 50% che da allora è stato alzato progressivamente fino a raggiungere il 100% previsto nell’edizione di quest’anno.

Video Economia


Vai al sito: Who's Who