COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale FATTORETTO Srl

Prestiti per dipendenti pubblici: guida aggiornata al 2019

I prestiti per dipendenti pubblici (prestiti inpdap) godevano e godono tutt’ora di particolari agevolazioni. In virtù del loro status occupazionale, a occuparsene era l’Inpdap, l’ente previdenziale istituito appositamente per la pubblica amministrazione.

L’ente fu soppresso nel 2011 in seguito alle direttive previste dalla Riforma Monti. La linea del governo prevedeva tagli e misure di austerità. L’Inpdap fu così soppresso per risparmiare denaro pubblico.

Le sue funzioni furono accorpate all’Inps, l’istituto nazionale di previdenza sociale, il tradizionale riferimento per gli italiani in materia di pensioni e sostegno economico.

Tutt’oggi è possibile confrontare quelle che erano le possibilità previste per i dipendenti pubblici. Il sito offre tutta una serie di sezioni e informazioni a riguardo. Il limite magari, com’è prevedibile può essere quello di scontrarsi con una mole di informazioni enorme, vista la totalità dei casi presi in carico dall’Inps.

La consultazione può essere compromessa e piuttosto difficoltosa. Una valida alternativa è rappresentata dal portale www.inpdap-prestiti.it.

Un unico e ben strutturato contenitore che raccoglie tutte le informazioni relative a quella che fu l’attività dell’Inpdap E che vi guiderà in quelle che sono le attuali proposte prese in carico dall’Inps per chi era iscritto al vecchio ente previdenziale.

A differenza del sito ufficiale dell’Inps, dove magari dovrete girare un bel po’ prima di trovare quello che vi interessa, su questo sito troverete già le informazioni che potranno fare al caso vostro.

Nell’eventualità che dovrete fare ricorso a una sezione dell’Inps per capire come registrarvi, e dove, per poter formulare una precisa richiesta, grazie al sito suddetto potrete arrivarci più facilmente. In quanto nelle varie sezioni informative vi sarà spiegato cosa cercare esattamente e come fare.

In più la sezione informativa è completamente dedicata ai prestiti inpdap in voga prima della riforma. Senza che dobbiate passare inutilmente da un contenuto all’altro. Perdendo tempo e pazienza.

Vi è modo di avere un’idea immediata di preventivi e rate grazie agli strumenti reperibili in ogni sezioni del sito.

I piccoli prestiti Inpdap: disponibile la guida aggiornata al 2019

I piccoli prestiti Inpdap erano delle particolari concessioni creditizie concesse dall’ente previdenziale della pubblica amministrazione per far fronte a spese dovute necessità urgenti, come viene spiegato nei prestiti inpdap di Isae.it.

Nonostante questo ente sia stato abolito nel 2011 questo tipo di prestito rimane tutt’ora uno dei più diffusi. La semplicità di richiesta e ottenimento ne fanno uno strumento snello ed essenziale per soddisfare costi non previsti che comunque non richiedono ingenti somme di denaro.

A partire dal 2012 tutte le competenze dell’Inpdap sono state accorpate e adeguate all’altro grande istituto previdenziale italiano, ossia l’Inps. La convenienza dei piccoli prestiti è dovuta alla possibilità di dilatare per tempi piuttosto lunghi il rimborso della cifra richiesta, nonostante si tratti di un piccolo credito.

La somma massima che si può ottenere è di un massimo di otto mensilità del proprio stipendio. Altri punti a favore di questa possibilità sono le trattenute che avvengono a partire dal secondo mese dopo l’ottenimento del prestito. Inoltre, è possibile rinnovarlo dopo che è trascorsa metà del periodo per cui si è richiesto il prestito.

E’ sufficiente indicare i motivi della richiesta di prestito senza presentare documentazioni di spesa.

Questo è possibile in quanto i dipendenti o pensionati della pubblica amministrazione possono contare su un’entrata fissa e stabile, proprio in virtù della loro condizione occupazionale.

Di solito questi lavoratori hanno contratti a tempo indeterminato. E una volta pensionati, godono di una pensione dignitosa.

Gli enti previdenziali dal canto loro, hanno sempre quindi potuto contare su un’enorme liquidità di denaro da redistribuire. Con la garanzia del ritorno assicurato dell’importo rilasciato grazie alla stabilità lavorativa e contrattuale dei propri iscritti.

Con un piccolo margine di guadagno, rappresentato da tassi piuttosto convenienti.

 

Approfondimenti

Prestiti Personali - https://www.prestitipersonali.com/

Prestiti Inpdap - https://www.inpdapprestiti.it/

Inpdap Prestiti - https://www.inpdap-prestiti.it/

Ufficio stampa Fattoretto srl Digital Finance

https://massimofattoretto.com/

 

Video Economia

Ultima ora


Vai al sito: Who's Who