Sequestro sventato, banda resta in cella

Gip dispone custodia cautelare

(ANSA) - TORINO, 18 AGO - Restano in carcere i quattro componenti della banda che lo scorso 14 agosto, nel centro storico di Torino, si è resa autrice del sequestro di una donna poi sventato dalla polizia. Lo ha deciso il gip Luca Fidelio.
    Il rapimento, secondo quanto ricostruito finora, è stata la risposta a una truffa da 50 mila euro compiuta a Milano ai primi di giugno. La vittima del raggiro, l'imprenditore edile tedesco Michael Hoffman, ha raccontato di non avere trovato l'ascolto della polizia in Germania e, quindi, di essersi rivolto a due agenti privati (anche loro tedeschi) per recuperare il denaro perduto. Il gruppo ha agito con l'aiuto di un austriaco. Secondo la loro versione dei fatti l'intenzione, una volta prelevata la donna, era di portarla alla Questura di Torino.
   Per il momento si procede per sequestro di persona a scopo di estorsione e tentato sequestro, lesioni (la donna, legata con delle fascette, ha riportato delle abrasioni giudicate guaribili in dieci giorni), furto (per la targa trafugata ad Aosta e applicata sul furgone) e porto abusivo di coltello. L'ipotesi del pm Valerio Longi è che il gruppo avrebbe liberato la donna a condizione che l'imprenditore ottenesse dai presunti truffatori una somma a titolo di indennizzo. Le difese affermano che si tratta di un caso di esercizio arbitrario delle proprie ragioni con sequestro di persona, un reato che prevede pene più basse.

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai alla rubrica: Pianeta Camere