Tav: la clausola dissolvente, ecco cosa prevede la norma

Consentire di dichiarare all'occorrenza "senza seguito" una procedura di gara già pubblicata qualora venga meno la volontà politica di dargli seguito

 Consentire di dichiarare all'occorrenza "senza seguito" una procedura di gara già pubblicata, ma per cui nel frattempo siano venute meno le volontà politiche di procedere. Stabilisce questo la norma "dissolvente" prevista dalla legislazione francese a cui farebbe riferimento la lettera con cui Palazzo Chigi ha autorizzato l'approvazione dei bandi 2,3 miliardi di lavori. La facoltà è prevista nel capito 5 del nuovo codice unico degli appalti francese, senza onori né obblighi per la stazione appaltante, né per gli azionisti, né per gli Stati.
   

    RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

    Video ANSA


    Vai alla rubrica: Pianeta Camere