Eritrei Diciotti accolti a Torino

Irreperibili? Ognuno fa sue scelte. Nosiglia, maggioranza aperta

(ANSA) - TORINO, 6 SET - "Ognuno ha fatto la propria scelta.
    Noi abbiamo trovato accoglienza e siamo rimasti". Così Philimon e Jhon, i due eritrei della Diciotti accolti nelle scorse ore dalla Diocesi di Torino, sulla decisione degli altri migranti della nave, una cinquantina, di rendersi irreperibili.
    "Non abbiamo parenti in Europa - raccontano - e, con la volontà di Dio, vogliamo rimanere in Italia". Entrambi 21enni, i due eritrei sono arrivati ieri sera a Torino. Ospiti del Sermig, l'Arsenale della Pace di Ernesto Olivero, da domani verranno accolti al Cottolengo.
    "Partiti dall'Eritrea tre anni fa, hanno trascorso più di un anno in Libia. Non parlano italiano, non hanno il cellulare e indossano abiti donati loro dalla Diocesi. "Il nostro sogno?".
    Silenzio. Ancora non lo sanno. "C'è una base popolare disposta ad accogliere, una maggioranza silenziosa che presta attenzione alle persone, che le rispetta, indipendentemente da dove è diretta la politica", commenta l'arcivescovo di Torino, monsignor Cesare Nosiglia.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere
La social tv del Consiglio regionale