Pirillo, non potevo evitare P.za S.Carlo

Era responsabile strutture temporanee. 'Quelle hanno retto'

(ANSA) - TORINO, 10 NOV - "Non potevo evitare nulla". Valter Pirillo, componente della commissione di vigilanza, ha risposto così ai giornalisti al termine dell'interrogatorio davanti ai magistrati che indagano su piazza San Carlo. Ex genio civile, Pirillo è stato il primo dei venti indagati a comparire davanti ai magistrati che lavorano per far luce su cause e responsabilità della tragica notte dello scorso 3 giugno, un morto e 1.526 feriti nella calca davanti al maxischermo che proiettava la finale Champions tra Juventus e Real Madrid.
    "Le competenze del mio cliente riguardavano il maxischermo, l'adeguatezza e la staticità della struttura", precisa il legale di Pirillo, avvocato Roberto Trinchero. "Non aveva competenze su altri aspetti - sottolinea - come barriere e numero di persone autorizzate per l'evento".
    "Lo schermo e le strutture temporanee allestite, come la pedana per i giornalisti, hanno retto e sono servite anche da rifugio", riprende Pirillo. "Ho risposto a tutte le domande dei pm", conclude.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere
La social tv del Consiglio regionale