Pignoramento Museo Rai Tornio dopo causa

Provvedimento decaduto dopo fine contenzioso

(ANSA) - TORINO, 16 FEB - Pignoramento alla Rai di Torino. Il 2 febbraio un ufficiale giudiziario ha prelevato dal Museo della Radio e della Televisione, in via Verdi, alcune apparecchiature (fra cui un detector a galena del 1910 e un complesso radiotelegrafico marittimo Marconi) per ordine del tribunale. Il materiale, secondo quanto è trapelato da ambienti giudiziari, è comunque già tornato nella disponibilità dell'ente.
    Si è trattato dello sviluppo di una causa intentata da un gruppo di persone che lavoravano alle dipendenze di una società esterna alla Rai che curava i contenuti di Juventus Channel. I ricorrenti lamentavano di non essere stati pagati per 4 mesi e, nella loro azione giudiziaria, avevano citato la Rai ritenendola corresponsabile in solido. La Corte d'appello ha dato loro ragione.
    Per ottenere l'indennizzo stabilito dai giudici si è proceduto al pignoramento. L'avvocato dei ricorrenti, Adriano Lesca, contattato dall'ANSA, si è limitato ad affermare che "la somma è stata pagata e il pignoramento è decaduto".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere
La social tv del Consiglio regionale