Uilm protesta per tariffe bus pendolari

Sindacato contro incremento del 40% deciso dalla Regione

(ANSA) - LANCIANO (CHIETI), 18 LUG - "La Regione Molise tartassa i lavoratori pendolari occupati alla Sevel di Atessa e nelle altre fabbriche della Val di Sangro". Questa la denuncia della Uilm Chieti-Pescara e della Rsa Uilm Sevel in merito alla legge regionale del Molise, la n.4 del 2019, che ha aumentato del 40% le tariffe per abbonamenti e biglietti degli autobus "a scapito e sulle spalle di tutti i lavoratori pendolari che ogni giorno usufruiscono del trasporto pubblico". "Tantissimi sono i lavoratori molisani occupati in Sevel e nelle fabbriche della Val Di Sangro - spiega Uilm - che con enormi sacrifici affrontano un viaggio di 4 ore al giorno per portare a casa uno stipendio, sostenendo l'economia di una regione che non solo non offre opportunità di lavoro, ma si dimostra sorda agli appelli e indifferente alle necessità dei cittadini. Il trasporto pubblico molisano è stato più volte oggetto di cronache e denunce per i disservizi che i lavoratori quasi quotidianamente devono subire, ma nonostante questo si aumentano i costi".
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA