Consulente, rotazione e crollo ponte A14

Sia in fase progetto che esecutiva. Rischi con impalcato obliquo

(ANSA) - ANCONA, 2 GEN - Il ponte 167 sull'A14, tra i caselli di Ancona sud e Loreto, crollò il 9 marzo 2017 durante lavori di sollevamento per una "serie di concause" tra cui la sottovalutazione dei rischi di rotazione della struttura che aveva "impalcato obliquo". Lo scrive nella relazione l'ing.
    Gabriele Annovi, uno dei consulenti incaricati dal pm di Ancona Irene Bilotta nell'inchiesta per disastro colposo, cooperazione colposa in omicidio e lesioni colpose a carico di una quarantina di indagati tra persone fisiche e società che respingono gli addebiti. "La serie di concause - per l'esperto - ha come punto di partenza la sottovalutazione sia in fase di progetto che esecutiva del possibile movimento di rotazione attorno all'asse verticale passante per il baricentro di un ponte impalcato obliquo durante le operazioni di movimentazione...". Il cedimento costò la vita ai coniugi di Spinetoli (Ascoli Piceno) Emidio Diomede e Antonella Viviani che procedevano in auto verso sud. Tre operai al lavoro rimasero feriti.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere