Musica, restaurata tomba Beniamino Gigli

Grazie a fondi Comune, Regione, Art Bonus, cittadini

Completato a Recanati il restauro della tomba monumentale del tenore Beniamino Gigli (1890-1957). La tomba versava in pessime condizioni per le infiltrazioni di acqua che avevano danneggiato la struttura e gli affreschi all'interno. Un lungo lavoro condotto dal restauratore Simone Settembri, già al lavoro nelle Stanze di Raffaello ai Musei Vaticani, ha consentito il completo recupero di uno dei monumenti più importanti di Recanati. L'operazione, promossa dal Comune, è stata finanziata grazie all'Art bonus cui hanno aderito aziende, cittadini, associazioni legate alla figura di Gigli e gli stessi familiari. Importante anche l'intervento della Regione Marche. "Il recupero ha richiesto due anni di lavoro e l'uso di moderne tecnologie che consentiranno il mantenimento delle pitture - dice il sindaco Francesco Fiordomo -. Dovevamo al grande Beniamino Gigli questo intervento, perché la sua tomba è anche il posto simbolico dove si recano tantissimi ammiratori che arrivano da ogni parte del mondo".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere