Viola domiciliari per drink, in carcere

Uomo di Cingoli sorpreso dai carabinieri, beneficio revocato

Costa caro un aperitivo con gli amici a un uomo di Cingoli che finisce in carcere per aver violato gli arresti domiciliari a cui era sottoposto dal maggio scorso. Era stato arrestato per possesso di un discreto quantitativo di cocaina e posto ai domiciliari con un permesso di uscita solo per alcune esigenze personali. Nei giorni scorsi, però, dopo un'uscita 'regolare', l'uomo non era rientrato a casa. I carabinieri di Cingoli lo avevano rintracciato poco dopo in un locale della zona in cui stava consumando un aperitivo con gli amici. Circostanze che hanno indotto il giudice di Macerata a revocare il beneficio degli arresti domiciliari e disporne il trasferimento in carcere.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere