Morto prof, farmaci dopo condanna abusi

Negava accuse. Amici, agnello sacrificale, è bullismo

(ANSA) - ESANATOGLIA (MACERATA), 25 APR - Il giorno dopo la condanna per abusi sessuali ai danni di sei studenti universitari, sempre negati con forza, ha assunto un mix di farmaci. Soccorso in fin di vita, inutile è stato il trasporto all'ospedale di Camerino. E' morto così il professor Francesco Parillo, docente di Anatomia presso la Facoltà di Veterinaria dell'Ateneo camerinese, residente a Perugia. Lunedì pomeriggio il Tribunale di Macerata lo aveva condannato a tre anni di carcere per violenza sessuale, per palpeggiamenti e carezze hard agli studenti dei suoi corsi, tre dei quali si erano costituiti parte civile. Da ieri non rispondeva al telefono. Vigili del fuoco e carabinieri lo hanno trovato seduto su una poltrona in stato d'incoscienza. Poi il trasporto in ospedale dove i medici hanno rilevato l'assunzione di diversi farmaci (in prevalenza oppiacei) e hanno tentato inutilmente di rianimarlo. L'uomo aveva sempre negato le accuse.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA