Getty, acquisto Lisippo fu regolare

Udienza a Pesaro, verso fine battaglia legale a dicembre

"Non c'è nessuna certezza che il bronzo dell'Atleta vittorioso del IV sec. a.C. sia opera di Lisippo. E' di origine greca, ma nessuna prova sull'autore e ancora meno certezze che sia stato pescato in acque italiane, davanti a Fano o Senigallia. Quello che è certo è l'acquisto per 3,950 milioni di dollari nel 1977 da parte della fondazione Getty, con tutti i titoli legali, dopo sentenze di assoluzione in Italia, pareri legali di famosi studi italiani, autorizzazioni della magistratura di Monaco dove si trovava la scultura. Per cui è stato fatto tutto in buona fede, con tutti i documenti possibili. Ci manca solo l'originale della compravendita tra i venditori italiani e il collezionista tedesco che poi ce lo ha venduto". E' il contenuto delle dichiarazioni rese a Pesaro dal direttore del Paul Getty Trust Stephen Clark, in udienza di contradditorio contro la richiesta di confisca promossa dalla Procura pesarese. La prossima udienza è a dicembre.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere