Ghali presenta I love you a San Vittore

"Lettera d'amore a un carcerato, da piccolo venivo qui"

(ANSA) - MILANO, 14 MAR - I muri si mettono a tremare quando Ghali decide di alzare al massimo il volume del suo nuovo singolo 'I Love You', presentato a una sessantina di detenuti e detenute under 25 del carcere di San Vittore. E in tanti si alzano per ballare la canzone che il rapper 26enne ha definito "una lettera d'amore a un carcerato immaginario". "Ho ricordi molto forti di quando da piccolo venivo a trovare mio padre che era recluso qui", ha raccontato. "E' stato proprio il figlio di un altro detenuto a farmi scoprire che cos'è la beatbox (una tecnica che consiste nel riprodurre i suoni di una batteria con la bocca, ndr)". La nuova canzone del giovane, nato e cresciuto a Baggio, nella periferia di Milano, da genitori tunisini uscirà questa notte, a un anno esatto da 'Cara Italia', singolo Triplo platino con un video che conta oltre 107 milioni di visualizzazioni. Ma 'I Love You', dice Ghali, non è solo una canzone, bensì un progetto "per fare comunicare il carcere con il mondo esterno".
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
      TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

      Video ANSA


      Imprese & Mercati

      Dott.ssa Concetta Borgh

      La blefaroplastica riguarda anche la vista non solo l'estetica

      Un intervento per sembrare più giovani ma che talvolta si rivela necessario per chi ha problemi palpebrali: ne parliamo con la dott.ssa Concetta Borgh, chirurgo plastico ed estetico che opera presso il Centro Medico M.R. di Bergamo


      Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere
      Camera di Commercio di Milano
      Camera di Commercio di Milano
      Aeroporto Malpensa