Rv e arte africana al Mas di Milano

Realtà virtuale per 'evocare spiriti' indossando una maschera

(ANSA) - MILANO, 11 OTT - Da oggi Milano ha un luogo in più da visitare nel tempo libero, un luogo che promuove oltre all'arte l'integrazione dei popoli. Si tratta alla nuova sezione di Arte etnografica africana del Mas, il Museo d'Arte e Scienza, che mescola antichi manufatti e realtà virtuale. Quattro nuove sale dedicate alla collezione privata di Gottfried Matthaes in cui si possono ammirare statue, troni, tessuti, tamburi, oggetti di culto e ovviamente tantissime maschere.
    Queste ultime, in particolare, in un'incredibile varietà di forme, colori, tipologie e utilizzi sono "portatrici di significati sociali, avatar di spiriti, giudici e guardiani - spiegano i curatori - Il percorso espositivo prevede anche una postazione multimediale dove il visitatore potrà indossare un visore di realtà virtuale, adattato in una vera maschera africana, ed evocare così lo spirito di Evu. Lo scopo è quello di rappresentare il ruolo che veniva concesso a coloro che indossavano la maschera, che conferiva enormi poteri".
   Da oltre vent'anni il Museo d'Arte e Scienza, a due passi da Castello Sforzesco, lavora sul riconoscimento dell'autenticità nell'arte e nell'antiquariato, unico nel suo genere nella didattica sui falsi nell'arte grazie a test station, postazioni con microscopi e lenti d'ingrandimento.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Camera di Commercio di Milano
Camera di Commercio di Milano
Aeroporto Malpensa