Ok trasferimento facoltà Statale

Via libera al trasloco in area Expo, protesta studenti

(ANSA) - MILANO, 6 MAR - Il Senato Accademico dell'università Statale di Milano ha approvato il trasferimento delle facoltà scientifiche da Città studi all'area dove si è svolto nel 2015 l'Expo.
    Il voto è arrivato mentre un centinaio di studenti ed esponenti dei centri sociali protestava all'esterno, non senza qualche momento di tensione con le forze dell'ordine. "Con il voto di oggi, che è il terzo parere positivo dato dagli organi di governo della Statale - spiega una nota dell'ateneo -, è ufficialmente avviato l'iter per la realizzazione del Campus in area Expo, con il contestuale lavoro di preparazione del bando, tradizionale o avente come base di gara la proposta di project financing di LendLease".
    Il Campus dovrebbe ospitare 18.000 studenti, 1.800 ricercatori e circa 500 tra tecnici e amministrativi. Il via libera al trasferimento delle facoltà scientifiche aiuta a creare "un vero hub della ricerca" per Giuseppe Bonomi, ad di Arexpo, la società pubblica che possiede i terreni e si occupa dello sviluppo del post Expo.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA


Imprese & Mercati

null

Più valore agli edifici: alla Duesse Coperture un convegno sulla riqualificazione condominiale

Il 23 novembre, alle 15.30, presso la sede dell'azienda di Ponte Nossa, in provincia di Bergamo: dalla nuova Direttiva europea del 2018 alla riqualificazione integrata degli edifici con cessione del credito


Dott. Edoardo Franzini

Al Centro di Radiologia e Fisioterapia di Bergamo l’implantologia è guidata al computer

Addio al bisturi e niente tagli: Edoardo Franzini, chirurgo del Polo odontoiatrico: «un protocollo sicuro e complementare alla chirurgia a mano libera tradizionale che consente una condivisione anticipata dei risultati».


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Camera di Commercio di Milano
Camera di Commercio di Milano
Aeroporto Malpensa