Treno deragliato, problemi a rotaia

Conferma su carenze manutenzione. Passeggeri, 'sentito schianto'

(ANSA) - MILANO, 13 FEB - Le prime indagini di questi giorni sul deragliamento del treno a Pioltello (Milano) del 25 gennaio scorso stanno confermando, da quanto si è saputo, l'ipotesi iniziale di carenze nella manutenzione della rotaia e in particolare nel cosiddetto 'punto zero' dove il convoglio è uscito dal binario. "Abbiamo sentito uno schianto in quel punto", hanno raccontato agli investigatori alcuni passeggeri del terzo vagone, il primo a deragliare. Sul 'punto zero' si staccò un pezzo di rotaia di 23 centimetri.
   

Nel cosiddetto 'punto zero' si trovava un giunto in cattivo stato, stando alle prime indagini, con sotto una "zeppa" di legno 'tampone' e poi proprio in quel tratto si staccò il pezzo di rotaia e il treno deragliò. Gli inquirenti hanno raccolto circa 120-130 testimonianze di passeggeri che erano sul convoglio (che andava a 140 km/h, velocità regolare in quella tratta) quella mattina. In particolare, quelli del terzo vagone, che si schiantò contro quattro pali prima di fermarsi, hanno detto tutti, in pratica, di aver "sentito uno schianto" nel punto dove il treno è deragliato, come se ci fosse "qualcosa, tipo un sasso, sulla rotaia". Chi era in quel vagone ha spiegato, poi, che il treno "ha iniziato a sussultare" quando è uscito dal binario e "correva sui sassi" e sbandava.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Camera di Commercio di Milano
Camera di Commercio di Milano
Aeroporto Malpensa